Tagged with " casini"
Gen 16, 2013 - Politica    Commenti disabilitati su Monti Uno e Due

Monti Uno e Due

Il problema è che a me, Mario Monti, piaceva. Chi legge questo blog, lo sa bene. Preciso: mi piaceva il Monti Uno, il premier tecnico, il professore chiamato da quel geniacccio di Giorgio Napolitano a evitare il default dell’Italia. Mi piaceva proprio lui, come persona. Mi conquistava il suo stile normale (sobrio è un aggettivo che non mi ha mai convinto), il suo disinteresse personale, la sua calma, la sua misura (ex modus in rebus), il suo sense of humour così poco italiano, la sua incapacità (così, almeno, pareva) di arrabbiarsi, di rispondere pan per focaccia, di partecipare all’insopportabile botta e risposta del chiacchiericcio politico. Mi piaceva persino la sua lentezza nel rispondere (finalmente qualcuno che riflette prima di parlare), la sua scelta di dire la verità, anche se scomoda e impopolare, di mettersi dalla parte di chi non ha mai voce (i giovani, i non sindacalizzati), di non cercare la rissa, di chiedere scusa, di non indorare la pillola, di ribaltare i luoghi comuni, di dire cose impopolari, fastidiose, di sottrarsi alle polemiche e alla demagogia...

[Continua a leggere...]

Dic 22, 2012 - Politica    2 Comments

Primarie e montiani: lo strumento e lo scopo

Come si fa a dire se un coltello è buono? Se taglia bene. Come si fa a giudicare se una sedia è ben fatta? Se ci si siede comodi. Quello che vale per gli oggetti, vale per tutto il resto. La bontà o meno dipende dal raggiungimento, o meno, dello scopo per cui è fatto uno strumento. Il contrario del detto per cui il fine giustifica i mezzi. Il mezzo, la sua fattura ed efficacia, è fondamentale. Lo dico a proposito di due fatti di questi giorni: le primarie del Pd per i parlamentari e la lista-coalizione che sarà guidata (o più probabilmente ispirata) da Mario Monti. Le primarie. Lo scopo per cui Pier Luigi Bersani, meritoriamente, ha deciso tempo fa di organizzarle è per restituire agli elettori quel diritto di scelta che il Porcellum, fatto da Pdl, Lega e Udc, ma che il Pd non si è certo impiccato per modificare, nega...

[Continua a leggere...]

Dic 21, 2012 - Politica    Commenti disabilitati su Voci di Palazzo: Mario Monti non si candida

Voci di Palazzo: Mario Monti non si candida

Mario Monti non si candida. Il suo nome non comparirà in cima alla coalizione di centro, come concorrente per Palazzo Chigi. Secondo autorevoli fonti oggi il premier avrebbe definitivamente deciso, declinando le offerte e resistendo alle tante e autorevoli pressioni di queste settimane. Darà una mano a chi si farà difensore dell’agenda Monti, simpatizzerà con chi garantirà di non buttare a mare i sacrifici degli italiani. Ma lui, in prima persona, non scenderà in campo. Non lo vedremo nei dibattiti in tv, nei comizi, nei faccia a faccia. Pare che la svolta sia avvenuta questa mattina, dopo aver visto un sondaggio commissionato a Nando Pagnoncelli. Anche se Monti si candida premier, la coalizione centrista, così come si delinea, non arriva oltre il 15-20%. Quindi è destinata ad arrivare terza, tenuto conto della lenta, ma progressiva rimonta che sta facendo in queste ore il Pdl, grazie al tour televisivo del Cavaliere...

[Continua a leggere...]

Mag 18, 2012 - Politica    Commenti disabilitati su Montezemolo scende in campo a luglio: “Più vicini al popolo”

Montezemolo scende in campo a luglio: “Più vicini al popolo”

Questa volta si parte davvero. Per arrivare dove, se a costruire una Federazione di moderati nel centrodestra, come cerca di convincerlo Silvio Berlusconi, o se in un nuovo rassemblement terzista, Luca Cordero di Montezemolo non lo ha ancora deciso. Lo ha detto anche a Pier Ferdinando Casini che alcuni giorni fa lo ha chiamato per capire quali siano le sue intenzioni. Ma la trasformazione politica di Italia Futura è questione di settimane. E sarà in due mosse. Della prima si è parlato lunedì scorso, come anticipato da Libero, in una riunione a cui hanno partecipato coordinatori regionali, ma anche una decina di parlamentari (non c’era Montezemolo, ma c’erano i vertici della fondazione). Completata la rete territoriale di Italia Futura - operazione gestita da Federico Vecchioni, coordinatore nazionale del think tank, dopo essere stato presidente di Confagricoltura - si è deciso di lanciare una serie di «iniziative sul territorio»...

[Continua a leggere...]

Pagine:12»