Tagged with " cgil"
Feb 3, 2012 - Politica    1 Comment

Il sondaggio nascosto dal Pd: “Articolo 18? non ci interessa”

Il Partito democratico sta dalla parte dei sindacati. Senza ombra di dubbio. Sul mercato del lavoro o si fa l’intesa con Cgil, Cisl e Uil o non ci saranno i voti dei Democratici, hanno detto ieri. «Si può innovare», ha ribadito Pier Luigi Bersani, «senza toccare l’articolo 18». Le tutele dei garantiti non si toccano. Si parli di tutto, ma non di questo. C’è, però, un sondaggio. Riservato. Che ha messo in allarme i vertici del Partito democratico. Perché smonta molte delle certezze che sono alla base di questa trincea. Si tratta di un’analisi fatta da Swg in queste settimane. Uno studio commissionato dal Nazareno proprio sui temi del lavoro. E sull’articolo 18. Un sondaggio dal quale risulta che gli elettori del Partito democratico non considerano affatto un tabù l’articolo dello Statuto dei lavoratori che prevede il reintegro del lavoratore licenziato senza giusta causa...

[Continua a leggere...]

Dic 21, 2011 - Politica    Commenti disabilitati su Gelo tra il presidente e la signora in rosso

Gelo tra il presidente e la signora in rosso

Forse solo un presidente della Repubblica che viene dalla stessa storia della Cgil poteva permettersi un richiamo così forte. Così sferzante. Nessuno, infatti, conoscendo da dove Giorgio Napolitano viene, può accusarlo di mancare di rispetto al più grande sindacato italiano. Forse per questo, oltre che per la forza che gli viene dal grande consenso tra gli italiani e dalla consapevolezza di dover reggere il peso di una missione delicata, il presidente ha deciso di bacchettare la Cgil. E in particolare il suo segretario, Susanna Camusso. La ragione del richiamo di Napolitano è l’intervista rilasciata alcuni giorni fa al Corriere della Sera. Quella in cui il segretario del sindacato di Corso Italia aveva attaccato pesantemente, persino personalmente, il ministro Elsa Fornero. «Credo non giovino», scandisce Napolitano quasi alla fine del discorso davanti alle alte cariche dello Stato, «qualunque posizione di principio o gruppo sociale si rappresenti, i giudizi perentori, le battute sprezzanti, le contrapposizioni semplicistiche...

[Continua a leggere...]

Dic 3, 2011 - Politica    Commenti disabilitati su Bersani convince Monti: tasse ai ricchi in cambio delle pensioni

Bersani convince Monti: tasse ai ricchi in cambio delle pensioni

Si parla di pensioni. Ma la partita è più ampia. Riguarda: l’articolo 18, la patrimoniale (o tasse su barche e beni di lusso che dir si voglia), Ici, Irap e Irpef. Questo è il dossier su cui Pier Luigi Bersani ha trattato con Mario Monti. Perché se l’incontro ufficiale tra il segretario del Partito democratico e il presidente del Consiglio si terrà stasera, i contatti sono stati continui in questi giorni. Anche ieri Bersani si è sentito al telefono con il premier. E il discorso è stato, in sintesi, questo: «Noi possiamo accettare un allungamento graduale dell’età pensionabile delle donne e il contributivo per tutti. Ma a condizione che ci sia una redistribuzione seria». Leggi: patrimoniale e rinvio di ogni modifica sull’articolo 18. Su questo, poi, Bersani ha la sponda del Capo dello Stato che ieri, prima di incontrare Monti in serata, ha indicato i due pilastri su cui dovrà reggersi la manovra: «rigore» ed «equità»...

[Continua a leggere...]

Dic 2, 2011 - Politica    Commenti disabilitati su Pensioni, Pd: “Non possiamo morire per Monti”

Pensioni, Pd: “Non possiamo morire per Monti”

«Con un governo che non vuole dirci nulla, non è che possiamo aprire il petto e dire: sparateci». Pier Paolo Baretta, Pd, reduce da una riunione di oltre due ore a Montecitorio sul tema delle pensioni, descrive alla perfezione lo stato d'animo che c'è in queste ore in gran parte dei democratici. Va bene sostenere il governo Monti, come si è scelto di fare, anche su invito pressante del Capo dello Stato. Ma ogni sostegno ha un limite. Non è che si può comprare a scatola chiusa. Una riflessione che dice del travaglio in corso nel Pd. «Nessuno sa cosa ha in mente il governo, speriamo di capire qualcosa lunedì», mugugnava ieri un altro dirigente. Speriamo. E comunque, si dice, lunedì bisognerà fissare alcuni punti. Perché, come ha detto Pier Luigi Bersani, «non si tratta di porre condizioni, ma di dire le proprie idee...

[Continua a leggere...]