Tagged with " fioroni"
Dic 14, 2012 - Politica    Commenti disabilitati su Pd verso la scissione, se Monti scende in campo

Pd verso la scissione, se Monti scende in campo

Stanno aspettando che Mario Monti sciolga la riserva. Poi, un minuto dopo, diranno addio. Al Partito democratico e alla gioiosa macchina a guida Bersani-Vendola che, per dirla con uno di loro, «ancora non ha capito la novità epocale di questi mesi». Cioè la presenza di una personalità, Monti, pronta a riunificare gli orfani di Silvio Berlusconi, i cespugli centristi e i moderati in cerca di una casa. Per assolvere il ruolo che, nella Prima Repubblica, fu della Dc. Loro, gli ex popolari, le truppe di Beppe Fioroni, invece, l’hanno capito eccome. E non intendono lasciarsi sfuggire quest’occasione che considerano storica. E che lo stesso Vaticano sponsorizza. L’ex ministro della Pubblica istruzione nei giorni scorsi ha incontrato il premier. Per ora non c’è nulla di ufficiale, solo contatti riservatissimi. Quello che Fioroni continua a ripetere pubblicamente è che, di fronte a un impegno politico di Monti, «Bersani dovrebbe fare un’alleanza con lui»...

[Continua a leggere...]

Lug 15, 2012 - Politica    Commenti disabilitati su Bye bye primarie

Bye bye primarie

Ieri sono stata all’assemblea nazionale del Pd. E mi sono convinta di due cose: 1)      le primarie o non si faranno o saranno finte, nel senso che il risultato sarà scontato 2)      il vero male del Pd, peraltro ereditato da Ds, Pds e Pci, è l’allergia allo scontro Sulla prima questione, è stata illuminante la relazione di Pier Luigi Bersani (oltre che le chiacchierate a latere con molti dirigenti del partito, di tutte le componenti). Il segretario, rifiutandosi di fissare una data per la consultazione, ha delineato il seguente percorso: prima si fa la carta d’intenti (cioè il programma), poi su questa base si cercano le alleanze, quindi – consultando gli alleati – si decide quando e con che regole fare le primarie. E “se” farle, anche se questo non l’ha detto. E’ evidente, però, che se i futuri alleati dovessero dirsi indisponibili alle primarie, il Pd, per non mandare all’aria il patto, non potrebbe che rinunciare...

[Continua a leggere...]

Feb 5, 2012 - Politica    Commenti disabilitati su Piscitello accusa: “Lusi non è l’unico colpevole, i suoi metodi servivano a tanti”

Piscitello accusa: “Lusi non è l’unico colpevole, i suoi metodi servivano a tanti”

«In molti si sono avvantaggiati del modo assolutamente personale in cui venivano gestiti i soldi della Margherita, dopo che aveva cessato di esistere». Per questo, dice Rino Piscitello, è potuto avvenire, se verrà verificato, che alcuni milioni di euro siano stati sottratti dalle casse del partito. «I controllori erano stati “sedati” e non avevano interesse a controllare». Per questo, «le responsabilità sono tante». Non solo di Luigi Lusi, il tesoriere ora indagato. A parlare è uno di quelli che il 15 luglio 2011 ha presentato un esposto al Tribunale di Roma per contestare i bilanci della Margherita del 2009 e del 2010. Piscitello è stato responsabile elettorale dei Dl e parlamentare per due legislature. Ora è iscritto all’Mpa. Perché presentaste quell’esposto? Avevate dei sospetti e quali? «Quell’atto nasce perché dal 2010 non veniamo più convocati all’assemblea che approvava il bilancio...

[Continua a leggere...]

Nov 28, 2011 - Politica    1 Comment

Concita e i massimi dirigenti del Pd

Ci sono due punti che non reggono, nella ricostruzione di Concita. Primo: quando dice "un massimo dirigente del Pd" . Di "massimi dirigenti del Pd" ce ne sono almeno una ventina. Con venti posizioni (o forse anche venticinque, visto che alcuni ne sostengono almeno due) a testa. Perciò: posto abbia avuto la chiacchierata incriminata con il "massimo dirigente", chi lo dice che il "massimo dirigente" esprimesse la linea (diciamo dei vertici) del Pd? Più probabile esprimesse la sua di linea. Ed è lecito che a un dirigente del Pd, sia pure "massimo", non garbi la Bonino. E che abbia una linea diversa dai vertici. Anzi, mi risulta che molti "massimi dirigenti" l'avessero detto e scritto (anch'io feci sul tema varie interviste). E' noto e arcinoto, insomma, che una parte del Pd (ex popolari) abbia subìto e malvolentieri la candidatura della Bonino. Dunque, facendo due più due, è probabile che Concita abbia parlato con un "massimo dirigente" degli ex popolari che si chiama Fioroni. Il quale non aveva fatto nascosto il suo disappunto per la candidatura della radicale...

[Continua a leggere...]