Tagged with " terrorismo"
Mag 23, 2017 - Politica    Commenti disabilitati su Da morti li piangiamo, da vivi li ignoriamo

Da morti li piangiamo, da vivi li ignoriamo

foto-ragazziIl male non ha gradazioni. Eppure tutti noi, quando abbiamo letto l'età delle vittime di Manchaster, quando abbiamo visto le facce di chi è morto in quell'arena da concerti, volti bambini, ci siamo sentiti venir meno. La morte di un adolescente è l'abisso dell'orrore. Il culmine dell'ingiustizia, se mai esiste un'ingiustizia più ingiusta. Ma il paradosso, qui, non è fuori posto. La morte di un bambino, di un ragazzo è contro-natura. È il contrario di quello che la natura ci grida. Perché è colpire la vita che inizia, chi è più fragile. L'innocente. Mi chiedo, però: noi che ci siamo commossi per la morte di questi adolescenti, come li trattiamo da vivi? Oltre alla paghetta e allo smartphone, oltre alla "libertà" di andare al concerto della star e tornare a casa più tardi, cosa, noi adulti, diamo a questi ragazzini? Perché se la libertà che gli diamo è solo quella, è poco...

[Continua a leggere...]

Apr 16, 2013 - Politica    Commenti disabilitati su Boston e Roma

Boston e Roma

Fa impressione, oggi, la distanza tra Boston e Roma. Là si muore. Qui si aspetta. Due esplosioni, a Boston, sventrano la normalità della vita: una giornata di sport, di festa.  Martoriata la carne, l'esistenza di decine di persone. Di bambini. Il terrorismo,  il grande nemico delle democrazie occidentali, torna a farsi sentire, uccidendo e spaventando. Intanto a Roma, in Italia, da più di 40 giorni aspettiamo un governo. Si fanno quirinarie sul web che si sa non porteranno a nulla, si tessono trattative già in partenza fallimentari, si organizzano incontri che si sa inutili, manifestazioni per fomentare i proprio tifosi, mentre i talk show ripetono sempre le solite cose in un gioco dell'oca in cui si torna sempre, tutti, al punto di partenza: zero. Là si muore. E anche qui, in realtà. Anche se non si vede...

[Continua a leggere...]

Giu 27, 2012 - Uncategorized    Commenti disabilitati su Azzurra non piange (Brindisi, parte prima)

Azzurra non piange (Brindisi, parte prima)

<Ahia! Mi chiami la mamma?>. E’ la prima volta dal 19 maggio che Azzurra scende dal letto. L’hanno messa seduta in una poltrona. Dopo oltre un mese di isolamento al reparto Grandi Ustioni ora è a Chirurgia Plastica, all’Ospedale Perrino di Brindisi. Domani dovrebbe cominciare a camminare con il girello. Ma ancora non sta in piedi. Ci ha provato, ma le usciva sangue dalle bende. <Mamma, vieni?>. La voce è quella di una bambina. Squillante. Spaurita. A sentirla le daresti sette, otto anni. Invece ne ha sedici. Rita, la mamma, lunghi capelli corvini, gli stessi della figlia prima che la bomba esplosa davanti alla scuola Morvillo-Falcone si prendesse anche quelli, dice che è come fosse nata di nuovo. Perché la credevano morta e invece è viva. E perché è come dovesse reimparare tutto. A cominciare dalla fiducia nel mondo...

[Continua a leggere...]

Mag 12, 2012 - Politica    Commenti disabilitati su Ferrero: L’attentato ad Adinolfi? Non so se è terrorismo

Ferrero: L’attentato ad Adinolfi? Non so se è terrorismo

Oggi a Roma c’è stato il corteo della sinistra neo-comunista. Federazione della Sinistra, Partito comunista dei lavoratori e tante altre sigle. La manifestazione era tutta contro il governo e il suo premier.  Ecco alcuni slogan (per la cronaca, qui): "E' ora e' ora di cambiare governo”, “Monti te ne devi andare”, “Monti attento ancora fischia il vento”. E poi cartelli con la faccia di Lenin e il Che, striscioni con falce e martello, scritte contro la riforma del lavoro. Insomma, l’immancabile armamentario della nostalgia rossa, oggi indirizzata contro il nuovo Nemico: Monti. Mi permetto di suggerire a Pier Luigi Bersani due dati su cui riflettere. Il primo è che al corteo c’erano anche esponenti di Sel e Idv. Cioè di quei partiti con cui il segretario del Pd vorrebbe convincere la maggioranza degli italiani che l’alternativa è il Pd. Quindi, tornare al governo. Oggi pezzi di Sel e Idv hanno sfilato contro il governo voluto e sostenuto da Bersani. E anche contro le misure, i provvedimenti, le ricette in una parola la visione della società del Pd...

[Continua a leggere...]